Stufa tradizionale

Un vecchio “Rocol” posto proprio alla sommità di una collina nella fascia pedemontana in Provincia di Vicenza, una ristrutturazione importante, un risultato che era già ben chiaro nella mente e negli occhi di chi la stava sognando, progettando, realizzando. La stufa, in muratura, esteticamente è molto raffinata e, come tutte le cose belle, oggettivamente molto semplice.

Posizionata sotto la scala che collega il piano terra alla zona notte, è realizzata in materiale refrattario intonacato. Come dai desideri dei proprietari ha delle forme morbide, lineari, pulite, anche i piani sono intonacati bianchi, unica eccezione la seduta, che è realizzata in legno della stessa essenza del grande tavolo della sala da pranzo.

L’apparente semplicità architettonica e di materiali contrasta con l’anima tecnologica di questa stufa che rispetta pienamente il funzionamento che ha reso famose e uniche le stufe a olle. Ovvero la loro semplicità e affidabilità. Possono infatti funzionare senza ausili elettromeccanici e quindi senza elettricità: basta della buona legna secca ed un fiammifero per la prima accensione. La legna brucia per circa un’ora e mezza nella camera di combustione durante la quale i fumi caldi cedono calore ai giri di fumo ed alla struttura refrattaria, i quali a loro volta cederanno questo calore all’ambiente circostante nelle 12 ore successive.

Anche questa stufa, cosi moderna nelle linee e nello stile può funzionare così. Il riscaldamento della casa è comunque garantito perché avendola posizionata al centro della casa e sotto la scala, riscalderà omogeneamente per irraggiamento il piano terra e una parte di calore salirà naturalmente anche verso la zona notte. La possibilità di poter riscaldare anche in mancanza di elettricità era una delle condizioni base che ci era stata richiesta, vista la posizione isolata della casa e la possibilità che vi siano delle interruzioni nella rete di distribuzione.

Stufa produce acqua calda e soddisfa obblighi per fonti rinnovabili

In condizioni normali, con presenza di energia elettrica, è possibile decidere se utilizzare la stufa in modo tradizionale oppure abbinarla alla produzione di acqua calda che potrà essere a sua volta distribuita con l’impianto a pavimento negli altri piani della casa o destinata ai bagni per scopi sanitari.

Con questa funzionalità la stufa permette di adempiere agli obblighi nazionali sul risparmio energetico che dal 2018 prevedono che il 50% dell’acqua sanitaria ed il 50% dell’energia per il riscaldamento sia coperto da fonti rinnovabili, quale è la legna.

Sicurezza

La stufa preleva aria dall’esterno delle casa ed espelle i gas combusti a tetto. Il camino è stato realizzato in acciaio doppia parete con rifiniture a vista sopra la stufa ed in rame nel tratto esterno alla casa. Nei punti di attraversamento del tetto in legno è stato realizzato un passante isolato, certificato in laboratorio G00, quindi costruito in modo da non provocare pericolosi surriscaldamenti sui materiali posti in aderenza.

Stile

Progettiamo e realizziamo le nostre stufe in modo che si adattino perfettamente all’ambiente che i nostri clienti desiderano creare per viverci. La modernità della parte nuova dell’edificio si sposa perfettamente con il recupero del Rocol, lasciato invece ovviamente nelle forme originarie. Così questa stufa risulta essere rispettosa della tradizione e al tempo stesso moderna, minimale nei rivestimenti, attuale, con uno stile che si conforma perfettamente a quello dell’intero edificio e dei suoi proprietari.